LA CREMAZIONE DEI CORPI

Consiste nel ridurre in cenere le spoglie mortali raccogliendole in un´apposita urna. La Chiesa si è sempre studiata di inculcare la inumazione dei cadaveri, sia circondando tale atto con riti destinati a metterne in risalto il significato simbolico e religioso, sia comminando pene canoniche contro coloro che agissero contro una così salutare prassi; e ció specialmente quando l´opposizione nasceva da animo avverso ai costumi cristiani ed alle tradizioni ecclesiastiche, fomentata dallo spirito settario di chi si proponeva di sostituire alla inumazione la cremazione in segno di violenta negazione dei dogmi cristiani e specificatamente della risurrezione dei morti e della immortalità dell´anima. Tale proposito era evidentemente un fatto soggettivo, sorto nell´animo dei fautori della cremazione e non oggettivamente inseparabile dalla cremazione stessa; di fatto l´abbruciamento del cadavere, come non tocca l´anima, e non impedisce all´onnipotenza divina di ricostruire il corpo, così non contiene, in sé e per sé, l´oggettiva negazione di quei dogmi. Non si tratta, quindi, di cosa intrinsecamente cattiva o di per sé contraria alla religione cristiana. E ció fu sempre sentito dalla Chiesa, come risulta dal fatto che, in date circostanze, e cioè quando risultava che la cremazione del cadavere era chiesta con animo onesto e per gravi cause, specialmente di ordine pubblico, essa soleva permettere la cremazione. Tale migliorato mutamento di animo, congiunto al più frequente ripetersi di circostanze che ostacolano la inumazione, spiega come in questi ultimi tempi siano state dirette alla Santa Sede insistenti preghiere perché sia mitigata la disciplina ecclesiastica relativa alla cremazione, oggi spesso richiesta, non certo per odio contro la Chiesa o contro le usanze cristiane, ma solo per ragioni igieniche, economiche o di altro genere, di ordine pubblico o privato. La santa madre Chiesa, attenta direttamente al bene spirituale dei fedeli, ma non ignara delle altre necessità, decide di ascoltare benignamente queste richieste, stabilendo quanto segue: 1. Deve essere usata ogni cura perché sia fedelmente mantenuta la consuetudine di seppellire i cadaveri dei fedeli; perció gli ordinari con opportune istruzioni ed ammonimenti cureranno che il popolo cristiano rifugga dalla cremazione dei cadaveri, e non receda, se non in casi di vera necessità, dall´uso della inumazione, che la Chiesa sempre ritenne e adornó di solenni riti. 2. Tuttavia, per non accrescere le difficoltà di ogni sorta e per non moltiplicare i casi di dispensa dalle leggi vigenti, è sembrato conveniente apportare qualche mitigazione alle disposizioni del diritto canonico, così che quanto è stabilito nel can. 1203, pp. 2 (vietata esecuzione del mandato di cremazione) e nel can. 1240, pp. 1, n. 5 (diniego di sepoltura ecclesiastica a chi ha chiesto la cremazione) non sia più da osservarsi in tutti i casi ma solo quando consti che la cremazione sia voluta come negazione dei dogmi cristiani, o con animo settario, o per odio contro la religione cattolica e la Chiesa. 3. Ne segue che a chi abbia chiesto la cremazione del proprio cadavere non dovranno essere negati, per questo motivo, i sacramenti ed i pubblici suffragi, a meno che consti avere egli fatto tale richiesta per i motivi sopra indicati, ostili alla vita cristiana. 4. Per non indebolire l´attaccamento del popolo cristiano alla tradizione ecclesiastica e per mostrare l´avversione della Chiesa alla cremazione, i riti della sepoltura ecclesiastica ed i susseguenti suffragi non si celebreranno mai nel luogo ove avviene la cremazione e neppure vi si accompagnerà il cadavere. Gli em.mi padri preposti alla difesa della fede e dei costumi hanno riveduto questa Istruzione l´8 maggio 1963; e il papa Paolo VI si è degnato di approvarla nell´udienza concessa all´em.mo segretario del Sant´Offizio il 5 luglio dello stesso anno.

La cremazione in Italia

è un servizio pubblico a domanda individuale, soggetto a tariffa ministeriale. Il cittadino che ne voglia usufruire deve manifestare in modo inequivocabile la propria volontà, tramite dichiarazione scritta, o verbale resa a voce ai parenti, e dovrà poi essere riportata dal coniuge (o, in sua mancanza, dal parente più prossimo) all´atto della morte. Nel caso di più parenti dello stesso grado, il consenso dovrà essere unanime. Le cellette vengono assegnate per un periodo massimo di 99 anni. LA CREMAZIONE IN ITALIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 48 DEL 23 OTTOBRE 2006

COME

I familiari comunicheranno la volontà del defunto all´impresa di onoranze funebri. L´Agenzia Funebre Gennaro Reale è a disposizione per ogni tipo di informazione ed offre assistenza gratuita per le pratiche cartacee che l´evento comporta.

Le nostre sedi

Sede legale - via Concezio Muzi, 65 (ex Piazza Tribunali) 80138 Napoli
Tel. 081291070 - 081458231
S.R. Vomero-Chiaiano Via M. Pietravalle, 47 80131 Napoli Tel. 0815767030
S.R. Chiaia-San Ferdinando-Posillipo Via V. Gaetani, 11 80121 Napoli Tel. 0817644309